Instagram Facebook
Coyote
Speak Digital

SOCIAL MEDIA MARKETING: ora più che mai esserci! soprattutto le micro imprese…

 

Speak Digital

PERCHE’ ORA COME ORA E’ IMPORTANTE ESSERE SU I SOCIAL. 
Prima di tutto scopriamo cos’è il Social Media Marketing
E’ la branca del marketing definita anche marketing nei social media. Ha come obiettivo quello di creare la giusta visibilità per un’azienda, attività oppure personaggio pubblico, attraverso l’utilizzo dei Canali Social.
Quindi  l’idea è di aprirsi un profilo aziendale su un social network con l’obiettivo di aumentare le vendite, è possibile ma prima bisogna procedere step by step perché anche nel mondo dei social, vale ancora la regola del “passa parola”. 

Ora Però andiamo ad analizzare il perché in questo specifico momento nell’era “COVID19” è molto importante essere presenti attivamente sui social. Iniziamo parlando della presenza delle persone che in questo difficile momento restano a casa e si intrattengono sempre di più sui social, quasi come fosse un posto per trascorrere la maggior parte del nostro tempo, non quindi come un’alternativa alla nostra vita ‘reale’, ma come una sua estensione. La cosa fondamentale che ci deve far riflettere è il graduale cambiamento delle nostre abitudini. Già questo con l’era dei millennial’s (sono i nati tra il 1981 e il 1996, ovvero coloro che hanno compiuto il loro primo od ultimo anno da teenager (età 13-19) durante il corso degli anni 2000) abbiamo iniziato a fare i primi acquisti sul web ( anche i primi resi) o farci recapitare direttamente a casa qualsiasi tipo di cibo che noi vogliamo. Questo si è evoluto sempre di più a tal punto che molte persone hanno quasi più piacere a fare shopping on line che andare a negozi o farsi recapitare a casa la pietanza preferita più tosto che mettersi a “spignattare” addirittura non si va neanche più al bar … ma è il bar stesso che porta tutto l’occorrente per trasformare la propria dimora in un locale.Tutte queste attività vengono per la gran parte pubblicizzate attraverso i canali social e web. Soprattutto in questo periodo difficile per tutti noi, dove sembra che le uniche attività che continuano a produrre siano quelli derivanti dai servizi essenziali ma non solo. Facciamo esempio la molteplicità di attività che grazie all’e-commerce ( la vendita on line ) riescono a rimanere a galla addirittura riescono ad aumentare i loro fatturati.

Quindi questo articolo che scrivo chiuso in quaranta, è rivolto a tutte quelle piccole attività o persone che pensano di non poter far nulla in questo momento aspettando sul divano una soluzione, magari pensando che i nostri politici sistemino il tutto. Ma noi dentro sappiamo che non è così, nessuno ora mai è immune da questa crisi economica che a mio parere avrà dei tempi di ripresa molto lunghi e ci porterà a lavorare molto di più e prendere molto meno.

Credo che sia il momento per chi non l’abbia ancora fatto di rialzarsi e di essere coscienti del fatto che il mondo continua a girare e a evolversi anche nel metodo scambio commerciale passando dal sistema di comunicazione.

I social hanno quindi la funzione di aumentare la possibilità di aumentare il nostro  business.  Ora mai anche per quanto riguarda la comunicazione sui social la scelta è molteplice. Per abitudine per fidelizzazione o per pigrizia preferiamo usufruire sempre degli stessi canali (es AMAZON ). Questo non ci deve scoraggiare ma anzi deve farci sempre più capire che avere un business on line è possibile.

Quello che però ci sfugge e diamo per scontato è la qualità di quello che si vuole comunicare. Se da una parte è vero che ora mai è alla portata di tutti comunicare attraverso i social, dall’altra è il come lo si fa in maniera “superficiale”. Molte volte si è miopi difronte ai risultati prodotti e si a paura di affidarsi a società o liberi professionisti, questo a mio parere perché molti non identificano ancora questa figura quella del social media manager. Facciamo un  esempio, vorrei andare più nello specifico. La maggior parte delle aziende a una pagina sui principali social network ( Instagram o Facebook ecc ) ma non fa nulla per capire effettivamente le potenzialità di questo strumento. Se poi scaviamo più affondo scopriamo che queste aziende che non utilizzano in modo coretto o non ci credono fino infondo  sono composte (generalmente) da titolari over 50  che non avendo un metodo di lavoro affermato da anni anno sia paura che poca voglia di affrontare questo cambiamento sociale.

La scusa infatti che viene data è sempre la solita;” io non sono portato per queste cose” o tutti fenomeni! ma alla fine non portano a casa nessun risultato. Per questo bisogna saper delegare a chi è nato o cresciuto in quest’era del digitale dove i social devono essere curati con un criterio, avere una strategia e conoscere le nuove opportunità per rimanere al passo con i tempi soprattutto per le piccole aziende che molte volte guardano solo al loro “orticello” e non si rendono conto che il mondo globalizzato è molto più vasto.

L’obbiettivo di usare i social per promuovere l’attività è portare a casa risultati. Per ottenere questo non bisogna avere paura di rivolgersi e farsi seguire da professionisti. Questo vi dà la possibilità di risparmiare tempo ma soprattutto denaro. 

Matteo Teo Mazzi – IMAGE SOCIAL MEDIA 

 

 

 

 

 

No Comments

Post a Comment